• Via Giovanni Balicco, 113, 23900 Lecco LC
  • Orari: da Lunedì a Venerdì: 09.00 - 18.00
  • Contatti

    +39 0341 288440

  • Email

    info@invernizziass.it

Scopri le migliori soluzioni hi-tech per il tuo amico a quattro zampe, perfette per semplificarvi la vita

Collari e webcam: come la tecnologia controlla Fido & CoBasta poco per semplificarsi la vita, proteggere meglio i propri amici a quattro zampe e… tutelarsi da possibili danni

Una passione un po’ in calo ma sempre viva. Secondo gli ultimi dati Eurispes, gli italiani che possiedono almeno un animale domestico sono il 33%, equivalente a 20.064.000 mila cittadini, contro il 43% del 2016 (26.144.000). I preferiti rimangono i cani (per il 62% dei proprietari), seguiti dai gatti (per il 40,8%). Un esercito di animali acquistati in un negozio, adottati in un canile, trovati per strada o ricevuti in regalo e accuditi con amore nonostante le tante cure necessarie. Secondo le stime dell’Adoc (Associazione difesa orientamento consumatori), infatti, per un cane di taglia media si spendono circa 1800 euro l’anno tra cibo, accessori e visite veterinarie, mentre per un felino quasi 600 euro. Alcuni acquisti, però, semplificano decisamente la vita. È il caso delle App e dei dispositivi che permettono di tenere sotto controllo l’amico a quattro zampe.

Nella maggior parte dei casi, si tratta di geolocalizzatori satellitari da applicare al collare, che trasmettono i dati a una App scaricabile per Android, iPhone e Windows phone, permettendo di individuare l’animale in tempo reale ma anche di circoscrivere un perimetro di sicurezza oltre il quale far scattare un allarme. Alcuni, come Kippy the pet finder o Petpointer, sono talmente diffusi che vengono proposti anche dalle compagnie di telefonia mobile in abbinamento a sim e traffico dati su abbonamento.

Ma il mercato offre molto di più. Uno dei gadget più apprezzati dai padroni di cani sovrappeso e sedentari è FitBark,un piccolo fitness tracker a forma di osso, da agganciare al collare, che controlla le attività dell’animale ed elabora dati come il tempo trascorso a dormire, la quantità di passi, il battito cardiaco e le calorie bruciate.

Per sapere sempre cosa combinano Fido e Micio quando sono a casa da soli ed evitare brutte sorprese al rientro, c’è la possibilità di attivare il controllo a distanza con Pet Cube, un cubo da collegare al wi-fi casalingo che contiene una videocamera quadrangolare, un microfono e un altoparlante. Tramite l’apposita App è possibile non solo vedere cosa stanno facendo in quel momento, ma anche parlargli e persino giocarci con il puntatore laser integrato.

In alternativa c’è PetChatz, un videofonino con microfono, monitor e videocamera, che permette di rimanere in contatto con il cane o il gatto. La sua particolarità è un erogatore di snack che,tramite App, consente di lanciare un biscottino-premio attraverso il dispositivo.

Per i gatti, poi, c’è Catstacam, la fotocamera da collare che automaticamente scatta sei foto al minuto dal punto di vista del micio. Bisognerà aspettare ancora un po’ di tempo, invece, per un’ulteriore evoluzione: Nikon heartography. Anche in questo caso si tratta di una fotocamera che scatta però solo di fronte a grandi emozioni dell’animale: quando un sensore rileva la frequenza cardiaca parte la foto. Ma per ora è solo un prototipo.

Non manca un aiuto tecnologico nemmeno quando si esce in passeggiata: al posto dei poco piacevoli sacchettini si può optare per un bastone studiato su misura per raccogliere i bisogni di Fido. Si chiama Auggiedog e con un tasto aspira tutto senza lasciare traccia, grazie a un sistema autopulente.

E per garantire che gli animali stiano bene e rimangano soprattutto fonte di piacere, compagnia e affetto, nella lista delle spese, piccole ma indispensabili, non può mancare un’assicurazione su misura che consenta di proteggerli in caso di problemi alla loro salute, tutelando anche dai danni che potrebbero causare agli altri. E vissero tutti ancora più felici e contenti.

Tags: ,