• Via Giovanni Balicco, 113, 23900 Lecco LC
  • Orari: da Lunedì a Venerdì: 09.00 - 18.00
  • Contatti

    +39 0341 288440

  • Email

    info@invernizziass.it

Il Gruppo Allianz è in prima linea per ridurre il riscaldamento globale. Ecco come

Nel 2015, con l’Accordo di Parigi, 195 Paesi hanno deciso di di mantenere l’aumento medio della temperatura mondiale ben al di sotto di 2° C rispetto ai livelli pre-industriali per evitare i gravi rischi associati ai cambiamenti climatici. Allianz ha raccolto la sfida, diventando uno dei primi Gruppi assicurativi a impegnarsi per lo sviluppo a lungo termine per un’economia a basse emissioni di carbonio. All’obiettivo sta lavorando insieme a partner nel mondo della scienza, della società civile e dell’economia legati all’organizzazione non-profit Science Based Target Initiative (SBTi), avviata, fra gli altri, dall’UN Global Compact, dalla Carbon Disclosure Initiative e dal WWF.

Entro il 2040, con un processo graduale, Allianz eliminerà sia gli investimenti proprietari in attività basate sul carbone sia la copertura assicurativa di tali rischi. Inoltre, l’azienda ridurrà la propria impronta di carbonio (ossia le emissioni di gas effetto serra) attraverso una maggiore percentuale di energie rinnovabili nell’acquisto di elettricità. Nel maggio 2018 la società ha poi annunciato con effetto immediato il ritiro dall’assicurazione di singole centrali elettriche a carbone e miniere di carbone in funzione o in fase di realizzazione.

«Il cambiamento climatico genera enormi rischi economici e sociali. Oggi sta già danneggiando milioni di persone – spiega il CEO di Allianz SE Oliver Bäte -. In qualità di assicuratori e investitori leader, vogliamo promuovere la transizione verso un’economia rispettosa del clima».

Già oggi, Allianz è leader mondiale nella fornitura di assicurazioni speciali per gli impianti di produzione di energia rinnovabile, e si sta impegnando per rimuovere dal portafoglio degli investimenti negoziabili le aziende che non riusciranno ad adeguare nei prossimi decenni le loro emissioni di gas effetto serra all’obiettivo di contenimento dell’aumento della temperatura entro 2° C. Inoltre, la soglia massima di emissioni di carbonio da parte delle aziende del settore energetico che Allianz finanzia verrà successivamente abbassata per gradi, cinque punti percentuali alla volta, partendo dall’attuale 30% per arrivare allo 0% entro il 2040.

Infine, il Gruppo sta lavorando con altri protagonisti del mercato per far sì che anche il settore finanziario possa dotarsi di metodi e strumenti analitici per valutare l’impronta di carbonio su basi scientifiche. Mettendo così la sua esperienza e i suoi approcci di sostenibilità al servizio del pianeta, per un futuro più ecologico e un’economia a basse emissioni di carbonio.

Tags: